domenica 31 maggio 2009

Si fa prima a dirsi che a farsi !


Stamattina impavidi e coraggiosi, io, Stefano Gualchierotti, Claudio Mazzone e mio marito, alle 6,50 tutti in macchina verso l'Abetone. 
Il cielo non prometteva nulla di buono ma noi non ci siamo fatti prendere dalla paura, " siamo super eroi, per forza!" Abbiamo portato una macchina all'Abetone quindi 1h di strada, e poi con l'altra macchina siamo tornati verso l'Oppio per partire per una missione a dir poco dura ! Dal passo dell'Oppio siamo partiti in discesa, per scaldarci le gambe, i gradi erano già pochi 11. Lungo la discesa si ciaccola, si ride , si fa battute, ma dopo la Lima comincia il bello, e comincia pure anche a Piovere, e di brutto, con vento e freddo. Si comincia la terribile salita che dista circa 15 km tutti in salita, all'Abetone. Si sale tranquilli, ma le mie gambe sento che non vanno come prevedevo. Comincio quasi subito ad accusare indolenzimento, che poi col passare dei km diventa sempre più acuto, e i freddo si fa sentire. Le nostre povere gambe e le nostre mani sono congelate, le mie gambe soprattutto non ne vogliano sapere di correre, infatti dopo circa 6 km di dura salita cammino un po, ma fortunatamente ci fermiamo per ristorarci. Si mangia un po di frutta, si beve e qui la pioggia aumenta, come aumenta pure il vento e il freddo, roba da matti ve lo assicuro. Claudio fa alcune considerazioni e dice di essere incerto se fare l'Abetone oppure optare per il tratto più breve. Stefano e Claudio si rendono conto che arrivare all'Abetone sarà davvero durissima. Alchè io dico una delle mie bischerate: " si fa prima a dirsi che a farsi !" bella massima mi dice Stefano, perforza...dire si arriva all'Abetone è un conto ma correre e arrivarci sul serio è un'altro. Comunque sia si arriva a 6 km dalla vetta e le mie gambe non rispondono più, allora dico a Claudio e Stefano di andare e casomai appena arrivati di venirci incontro con la macchina. Loro continuano correndo, io e mio marito che non mi abbandona mai, si cammina un pochino, poi si riparte correndo, ma dopo un po mi rifermo, ormai le mie gambe sono di sasso, dure che fanno paura. Ghiacciate dalla pioggia e dal vento, le mani sono andate quasi in cancrena, non riuscivo a muoverle, come non sentivo più nemmeno i piedi, mi pareva di correre sulle tibie. Si continua a correre e finalmente si arriva all'Abetone dove gli altri due ci stavano venendo a prendere, ma ce l'ho fatta, sono comunque arrivata in vetta.Alzando gli occhi vediamo che c'è sempre un po di neve sui monti, e che parlando si fa i fumetti. Stefano e Claudio hanno impiegato circa 10 minuti in meno di noi. In totale 28 km di congelamento in 2h,50 coprese le fermate e le camminate. La media non è male, ansi credevo peggio. Stefano e Claudio secondo me arriveranno benissimo, sono due Atleti fortissimi e sono convinta che faranno una bella gara. A stupire tutti come al solito mio marito....non si allena mai ed è riuscito a correre con me, ansi lui poteva anche andare dietro ai due intrepidi, mi rendo conto che sarebbe un'Atleta incredibile, corre con una facilità disarmante, Stefano e Claudio ora ne sono testimoni.
Voglio ringraziare i miei compagni di squadra che si sono avventurati con me con il freddo e l'acqua, facendomi compagnia ! Grazie amici miei. Ma soprattutto GRAZIE mia dolce metà ! Sono convinta di una cosa su di me : che anche quest'anno arriverò all'Abetone ! 
Missione compiuta anche oggi Gotam non ha timore !

PS: a casa ho mangiato: una bistecca alla fiorentina, un piatto di pasta a pomarola, e i funghi fritti di Claudio, e per finire mia suocera ha fatto il castagnaccio e mi son mangiata due fette pure di quello, alla faccia della dieta leggera !

17 commenti:

Ribichesu Davide ha detto...

Praticamente hai fatto un'allenamento estremo! Brava Franca..non ti sei fermata e sei riuscita, senza portare a casa problemi, a fare questo percorso..ti tornerà utile!

Domo ha detto...

Io sottolineo il fatto che tuo marito va davvero forte!!!! Sarà il nome....

Tosto ha detto...

E' una bella soddisfazione arrivare dopo tutte quelle difficoltà.

E convinci quell'uomo di tuo marito a seguiti. Come mai non lo fa? basta una pazza in casa?

Lucky73 ha detto...

Direi che te la sei meritata la magnata no? :-))

mastro ha detto...

Siete stati coraggiosi a fare un allenamento del gerere con quel tempo,poi franca l'indurimento muscolare molto probabile e' stata la partenza in discesa e la temperatura bassa,comunque siete forti.

Simone e Anita ha detto...

Instancabile e forte di spirito,allenamento che rafforza psicologicamente oltre che fisicamente viste le difficoltà anche climatiche,BRAVA.Tuo marito è un pò come me nell'accompagnare la moglie ovunque,io in bici seguo Anita lui invece corre con te.Comunque lui vive di rendita degli allenamenti del passato di atleta giusto?

GIAN CARLO ha detto...

Un allenamento così vale il cambio foto del Blog.
Un applauso a tuo marito

Claudio ha detto...

Oggi è stato un bell'allenamento..ottimo il percorso e alla fine anche il compimento della prova!!
franca e suo marito(soprattutto) sono stati molto bravi:l'una per alcuni acciacchi e l'altro perchè senza allenamento fa tutto con tantissima semplicità!! anzi sembra che sia costretto a rallentare per starci dietro :-)
domo dimostra sempre di più di essere un ottimo atleta e io sono contento di come vanno le gambe!!
arrivare lassù partendo da pistoia è un'altra cosa però!! vedremo vedremo...

Ezio ha detto...

La gara e' fra 20 giorni ora tira i remi in barca e stai tranquilla che sei pronta.Grande Franchina Volante

Francarun ha detto...

Davide mi tornerà sicuramente utile, anche perchè mi avvicino all'evento !

@Domo mi sa che è il nome davvero !

@Tosto mi sa che hai capito il motivo, basta una pazza in casa, ma anche lui facendo questo allenamento con me è un pazzo !

@Lucius, me la sono meritata si, avevo una fame !

Francarun ha detto...

Mastro forse hai ragione, ma le gambe non andavano ! Tu conosci il percorso e sai la difficoltà !

@Simone mio marito prima giocava a calcio e poi sono tanti anni che corre, ha cominciato con me quando mi consigliarono di correre, poi probabilmente lui è predisposto, soprattutto nelle salite !
Siete due uomini fantastici.

@Giancà perforza ho cambiato foto non ti piaceva quella in versione estiva.

@Claudio non fare schersi, non ci lasciare soli me e Stefano...Sennò pottrebbe correrla mio marito tanto non se ne accorge nemmeno !

Francarun ha detto...

Ezio non è ancora finita, il 14 avrò l'allenamento più duro, 36 km su percorso salita e discesa accidentato, sarà un'impresa !

Ciccò.rre ha detto...

cosa vuoi farci? Noi mariti siamo fatti così, semplicemente completi

Francarun ha detto...

ma va....???? e noi mogli siamo fatte così !!!!!!

Marco Bucci ha detto...

Forza Franchina... e' chiaro che quello che ha fatto, e con l'acqua che e' venuta giu' ti sentissi in quella maniera... renditi conto che una settimana fa faceva 34 gradi...!!
Dai che andrai bene... ma io contiuno a pensare che la Pistoia Abetone e' per soffrire 10 volte di piu' della maratona...!!!
Stammi bene e complimenti a Stefano...
Ciaooooooooo

Yervs ha detto...

Complimenti, a tutti. Correre un allenamento in quelle condizioni non è per niente facile, ci vuole veramente una bella forza di volontà. BRAVI!!!!

Anonimo ha detto...

molto intiresno, grazie