venerdì 20 febbraio 2009

Il venerdì della tartaruga


Visto che Batfranca si è presa un periodo di riflessione, ci provo io a parlarvi di corsa.
Oggi era il venerdì della tartaruga: vale a dire 15 Km lenti tipo scarico, e io non potevo mancare all'appuntamento.
Solo soletto (come sempre), me ne parto da casuccia verso il nuovo stradone che taglia il Padule (molto transitato, ma quasi tutto pari) non molto entusiasta. Poi però correndo, trovo motivazioni e comincio a divertirmi, regolandomi su un ritmo comodo comodo e godendomi il panorama molto ampio che mi si dipana davanti. Mi sento stranamente bene e i km scorrono agili. Ogni tanto mi metto anche a canticchiare qualcosa e a parlare da solo, scoprendo che quello che dico ha clamorosamente un senso, e che ho quasi sempre ragione... (sono convincente con me stesso).
Bella passeggiata davvero chiusa un un'ora e 11min.
Finalmente si intravede la primavera (fate pure gli scongiuri del caso).

5 commenti:

Ezio ha detto...

Casper sei un grande! Parli da solo? Corri canticciando? e vai come il vento....Grande!

Marco Bucci ha detto...

...Una rondine non fa primavera... come una corsetta non fa una maratona....!!
Ehhhh... che filosofia spiccia... :-))))

runners per caso ha detto...

grande Casper! un saluto alla compagnia ! :)

Francarun ha detto...

Carissimi amici e carissimo Casper te canti e parli da solo e ti trovi pure d'accordo...io oggi non ci sono stata perchè pure l'ADSL mi sè inceppata....avrà preso un virus pure lei....????? Comunque oggi ho fatto un'uscita a correre....una faticaccia assurda, 9 km a tartaruga come te !

francesco ha detto...

Capita spesso anche a me mentre corro di parlare da solo!!!!! Per fortuna che corro in luoghi isolati dove non gira nessuno che altrimenti mi metono la camicia di forza! Casper vai alla grande...dai che a Fucecchio facciamo sfracelli!